Home » Derattizzazioni

Derattizzazioni

 - SNOOPY Pulizie

 

Il sistema di derattizzazione non invasivo garantisce l’efficace soluzione del problema in tempi brevi e a costi contenuti. NON è nocivo per gli animali domestici e per gli esseri umani.


 

PREPARAZIONE  EROGATORI


PROTECTA RPU
Erogatore  di forma triangolare per topi, con serratura di sicurezza. Può essere  posizionato lungo le pareti o negli angoli, con la base inferiore appoggiata al  pavimento o alla parete. Il contenitore è stato appositamente studiato per  alloggiare gli speciali blocchi da 20-28 grammi, con i quali si evita che il topo  possa trasferire l'esca all'esterno dell'erogatore.

PROTECTA LP
Questo erogatore è ideale per le derattizzazioni in interni ed esterni. La sua forma triangolare, compatta e di basso profilo, consente di posizionarlo negli angoli o lungo le pareti e di inserirlo sotto i macchinari o i pallets. E' dotato di un sistema di chiusura brevettato che richiede la speciale chiave per l'apertura. Può essere impiegato con qualsiasi tipo di esca ma è particolarmente indicato per l'uso degli speciali blocchi Bell (da 20, 28, 200 e 225 grammi) che, grazie alle barre interne d'aggancio, vengono fissati all'erogatore e non possono fuoriuscirne. A richiesta sono disponibili degli inserti di plastica sostituibili, sagomati, della stessa forma dell'erogatore, che ne consentono una più rapida manutenzione.  

RODENTICIDA

Erogatore derattizzazioniNOTRA BLOCK
Questo speciale rodenticida, dell’americana Bell Laboratories, è prodotto in forma di blocchi irregolari e spigolosi, creati con un processo particolare di estrusione che ne garantisce un’appetibilità insuperabile.
Si tratta di un prodotto anticoagulante che costringe il topo a cercare ristoro all'aria aperta, riducendo pertanto la probabilità di spiacevoli ritrovamenti di cadaveri nei locali.
Alcuni accorgimenti sono indispensabili per non vanificare in parte l'efficacia del trattamento, come ad esempio non lasciare resti di cibo nelle vicinanze e tamponare eventuali passaggi che vengano identificati al fine di impedire il persistere del problema.
In genere dopo un periodo variabile fra i tre e i sei mesi (per i casi più importanti), nei quali viene costantemente monitorata la situazione, il problema viene risolto.